^ Vai in alto

Dott.sa Michela Dallaromanina

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Conosciamoci... vi racconto brevemente il percorso che mi ha portata ad occuparmi di Neuropsicologia dello Sviluppo.

Io sono una Psicologa Psicoterapeuta di Parma specializzata in “Neuropsicologia dello Sviluppo”. Questa terminologia, che può impressionare i genitori e risultare piuttosto complessa, in realtà sta semplicemente ad indicare quella branca della psicologia che valuta l’evoluzione delle singole funzioni, siano esse il linguaggio, le abilità motorie, i disturbi dell’apprendimento, la qualità del pensiero logico o le funzioni trasversali (attenzione, memoria, pianificazione…) e che permette di intervenire sulle traiettorie di sviluppo naturali, con trattamenti mirati che vengono monitorati e modificati tramite verifiche periodiche.

Prima di entrare nel merito della mia professione, come mamma, vi vorrei raccontare la mia storia per farvi capire da dove nasce la passione per il mio lavoro e aiutarvi a considerare sotto una luce diversa la possibilità di un eventuale consulenza per i vostri figli.

“Mio figlio è dislessico. La diagnosi è recente e io e mio marito non sappiamo come muoverci. Ci siamo informati e abbiamo letto che c’è chi suggerisce di procedere con gli strumenti compensativi e dispensativi e chi invece promuove l’utilità e l’efficacia dei trattamenti riabilitativi."

Optando poi per l’intervento riabilitativo si pone non solo il problema di quale tipo di trattamento effettuare ma anche di definirne le modalità e la frequenza.

Quali devono essere la durata e la frequenza perché possa essere efficace?

Per un genitore i quesiti non finiscono mai... Una volta che si è deciso di procedere con un trattamento riabilitativo si pone il problema di definirne una frequenza ed una durata, che possano dare dei risultati significativi e che, al contempo, siano compatibili con l’organizzazione famigliare.

In linea di massima è possibile affermare che qualsiasi tipo di trattamento sortisce degli effetti a livello qualitativo ma, in ambito riabilitativo, perché un percorso possa essere ritenuto efficace, è necessario che gli esiti siano clinicamente significativi (ossia che siano superiori a quelli che si sarebbero ottenuti tramite l’evoluzione spontanea) e generalizzabili.

Si sente spesso parlare di strumenti compensativi e di misure dispensative da inserire nel PDP (Piano Didattico Individualizzato), in modo che possano essere poi adottati a scuola e nella quotidianità per favorire gli apprendimenti.

Strumenti Compensativi

Ma, rimanendo fermi nell’intenzione di sgombrare il campo da fraintendimenti, vediamo di definire dettagliatamente di cosa si tratta, poiché una persona “non addetta ai lavori” non è tenuta a sapere quali siano quelli maggiormente idonei per bambini e ragazzi con disturbi specifici dell’apprendimento.

Copyright © 2013. Neuropsicologi.it  Rights Reserved.